ZERO WASTE

Zero Waste è un idea e un ideale. Un movimento che si pone l’obbiettivo di vivere senza generare spazzatura; cioè, tutti i rifiuti che finiranno in una discarica o nell’inceneritore. Vivere Rifiuti Zero oggi non è possibile. Il nome è un costante monito a migliorarsi vivendo in maniera conscia e responsabile, pesando le nostre scelte quotidiane e preferendo un economia circolare che riutilizza le risorse gia presenti ( riciclo/usato/riparando) e evitanto l’“usa e getta”. Ci sono cinque parole che seguite in ordine non solo descrivono i principi della vita Zero Waste ma aiutano a prendere le decisioni filtrandole attraverso questi concetti seguiti in ordine da uno a cinque:

Schermata 2018-09-30 alle 17.49.00.png
 
 
BB77609D-A970-4C1D-8D0B-373F2D722944.JPG

01.RIFIUTA

Non devi prendere tutto quello che ti danno. Siamo costantemente bombardati di cose che ci vengono messe tra le mani prima ancora di rendercene conto, dalle buste di plastica ai campioncini omaggio, il risultato è tutta roba che finisce nella spazzatura. Ci vuole faccia tosta e tempo per imparare questa nuova abitudine ma ricordati che è un tuo diritto dire “ No, grazie” o “No, non mi serve” .
Qualche consiglio:

  • Compra frutta e verdura sfusa

  • Usa le tue buste quando fai la spesa

  • Quando fai shopping, porta una borsa capiente e metti li i tuoi acquisti

  • Rifiuta il biglietto da visita, fagli una foto

  • Rifiuta i campioncini gratuiti e gli assaggi quando vengono in bicchierini di plastica

  • Scegli il cono gelato anzi che la coppetta

  • Di al barista che non vuoi la cannuccia

Questo step, il piú importante, richiede tempo, certe abitudini sono cosi radicate che neppure ci accorgiamo di compierle. Ma con il tempo diventa una seconda natura e ti renderai conto di quanta spazzatura in meno generi semplicemente dicendo “No, grazie”.


02.RIDUCI

Riduci ciò che ti serve. Identifica ciò che per te ha un valore. Lo Zero Waste non è deprivazione ma piuttosto capire il valore vero alle cose. Compra dei prodotti che davvero ti piacciono e di qualità che ti possano durare per molto tempo. Questo si applica a tutto, dal cibo ai vestiti. Se ti guardi in giro a casa, in macchina e in ufficio sono sicura che molte cose non ti servono più, non le usi da parecchio eppure le tieni per “quando” e “ se ”.
Per ridurre puoi:

  • Donare, vendere o regalare

  • Condividere / prestare / affittare invece che comprare ogni cosa

  • Fai shopping solo quando ti serve davvero

  • Cimentati nel fai-da-te. ( prodotti per le pulizie e di bellezza)

  • Scegli la qualità invece che la quantità e considera l’usato

  • Impare di quanto cibo hai bisogno/consumi per evitare gli sprechi in cucina

Ogni volta che qualcosa di nuovo sta per entrare nella tua vita chiediti se davvero ne hai bisogno ( succede nella tua testa, quindi sii onesto). Altrimenti “ No,grazie”.

Schermata 2018-10-01 alle 12.40.33.png

Schermata 2018-10-01 alle 12.41.28.png

03.RIUSA

Siamo sempre più stanchi, impegnati e attratti dalla “convenienza”. Viviamo in una società dove gli sforzi necessari a estrarre il petrolio, spedirlo in una raffineria, lavorarlo, dargli la giusta forma, spedirlo ai negozi dove poi noi andiamo a comprarlo per portarlo a casa sono considerati più convenineti” che non dover lavare un cucchiaio dopo averlo usato. Per risolvere questo problema scegli sempre cose riutilizzabili. Ecco da dove puoi iniizare:

  • Porta con te una borraccia da riempire dal rubinetto

  • Porta la tua tazza in ufficio/ scuola per il caffe/te

  • Cannuccia, ne hai davvero bisogno?

  • Borse per la spesa riutilizzabili

  • Fazzoletti e tovaglioli di stoffa

  • Porta con te almeno una forchetta o investi in un set di posate pieghevoli

  • Contenitori per il cibo multiuso

  • Passa a un rasoglio d’acciaio e alla ceretta fatta in casa.


04.RICICLA

Impara quali strutture per il riciclo sono disponibili nella tua cittá e a riconoscere cosa si può riciclare e cosa no. Sii responsabile della spazzatura che crei e cerca di smaltirla al meglio:

  • Se ne hai bisogno controlla on-line o prendi il telefono e chiama il comune

  • Cerca di evitare le contaminazioni tra materiali e separa bene

  • Il fatto che sia riciclabile non significa che la tua città abbia le strutture per farlo. Verra incenerito o buttato in discarica se non potrà esserlo, anche se credi di averlo messo nel cestino giusto. Dove puoi scegli sempre di comprare cose in questi materiali che sono facilmente riciclabili:

    • vetro

    • metallo

    • carta

    • alluminio

  • Considera il packaging non solo il contenuto quando fai la spesa

  • Il riciclo non è la soluzione. Dove puoi, cerca di ridurre anche quello. Dove puoi.

Schermata 2018-10-01 alle 12.41.07.png

Schermata 2018-10-01 alle 12.40.48.png

05.COMPOSTA

Cosa sarà mai la buccia di una banane nel grande schema delle cose? Quando in discarica, l’umido è concentrato in grandi quantità in un unico posto e si decompone generando enormi quantità di metano. il metano è uno dei gass responsabili dell’effetto serra. Ecco alcune alternative:

  • controlla se il tuo comune fa la differenziata per l’umido

  • Se hai un giardino allora puoi informarti e fare il compost a casa e riusarlo per concimare le piante.

  • Se vivi in appartamento, esplora alternative come il Bokashi o fare l’hummus di lombrico.

  • Controlla se la tua città ha degli orti comunali che accettano il tuo compost