#stoleggendo


If you like what I do support LibrettoReview by buiyng me coffee. Thank!

Wrap up di Ottobre

Ottobre si riassume con una parola: fallimentare.

Sono infatti riuscita a leggere solamente 4 libri, due dei quali con estrema difficoltà e sommo disappunto considerando la trepidante attesa e il clamore che li aveva preceduti.
Il problema di base sta nella mia incapacità di mollare un libro a metà, il che mi costringe a trascinarlo come un peso morto per settimene fino a che non finisce.

Ma andiamo con ordine, partiamo dai migliori:

LA SOSTANZA DEL MALE di Luca D'Andrea

Voto: 3/5
Pubblicato da Einaudi
Lo trovi qui: Amazon

 
61K-C86CuwL._SX310_BO1,204,203,200_.jpg
 

Ho scoperto questo libro grazie all'editore..inglese! Non sapevo chi fosse D'Andrea e mi ero persa l'uscita de La Sostanza del Male quando  in Italia. Quando mi è stato proposto dalla Quercus, in lingua inglese, mi ci sono lanciata a capofitto perchè non capita molto spesso che gli autori italiani vengano pubblicati e pubblicizzati all'estero.  La sostanza del male è un debutto che racconta le indagini su un omicidio plurimo inrisolto avvenuto sulle montagne del Sud Tirolo trent'anni prima.

La strana combinazione di autore italiano che racconta delle Dolomiti tramite gli occhi di un'Americano trasferitosi per lavoro in Tirolo, inaspettatamente funziona e pure bene. Trattandosi di un debutto ci sono delle parti che forse sono superflue e distraggono dalla trama principale, sopratutto il tentativo di D'Andrea di valorizzare il territorio che risulta forse pesante, ma per il resto si tratta di una macabra storia di ossessione ambientata in una comunità riservata, orgogliosa e bigotta. Un mix sempre vincente che fa da accellerante per un racconto di cronaca nera che potrebbe essere vero e che fa al caso vostro se cercate una storia un pó diversa e siete affascinati come me dai cold case.

 

SLEEP NO MORE di P.D.James

Voto: 3/5
Pubblicato da Faber&Faber
Lo trovi qui : Amazon

 
IMG_5016.JPG
 

Le cose belle arrivano sempre quando uno meno se lo aspetta e questo è il caso di questa piccola raccolta di 6 racconti brevi della scrittrice inglese Dorothy James, nota come "lady thriller" e da molti acclamata come erede di Agatha Christie. Inviatami dell'editore Faber&Faber e per il momento non tradotta in lingua italiana, questa raccolta di circa 200 pagine comprende 6 brevi racconti gialli che hanno come filo conduttore la vendetta. Ambientati in decenni diversi i sei casi di omicidio sono piccoli esercizi di giallo deduttivo con i quali la scrittrice gioca e testa ambientazioni e personaggi, permettendo a noi lettori di intuirne lo stile e le capacità inventive.

Ideale per chi vuole conoscere l'autrice senza l'impegno di affrontare un libro intero, Sleep no more è una piacevole e non impegnativa lettura adatta magari come intramezzo tra letture più impegnative.

 

 

ORIGIN di Dan Brown

Voto: 3/5
Publicato da Mondadori
Lo trovi qui: Amazon

 
3552A054-6BFD-4B8A-ADDC-9F3133A66798.JPG
 

Diciamo che in questo caso me la sono andata a cercare. Il chiaccherattissimo Origin di Dan Brown è uno di quei libri che sono fatti per vendere e non sono sempre necessariamente anche di qualità. Sono impazzita per Il codice da Vinci e tutt'ora continuo ad apprezzare e ammirare la ricerca delle fonti e il lavoro alla base dei libri di Brown che va in questo caso a discapito dell'originalità. Ci troviamo in Spagna, di nuovo Robert Langdon, professore presso l'università di Harvard nonché stimato esperto internazionale di simbologia religiosa in una corsa contro il tempo per svelare il mistero alla base dell'origine della vita.

Origin non si distingue per merito o non brilla per originalità ma ha anzi la stessa struttura dei libri precedenti ambientata in un contesto geografico differente. Ha un ritmo lento e manca l'intesa tra i personaggi che quindi fatica ad acchiappare il lettore.

 

L'UOMO CHE INSEGUIVA LA SUA OMBRA di David Lagercratz

Voto: 2/5
Pubblicato da Marsilio
Lo trovi qui: Amazon

 
IMG_4276.JPG
 

E qui ... mi piange il cuore. Sventolo bandiera bianca e dico: NO.

Ormai me lo avrete sentito dire mille volte,  ammiro la trilogia Millennium di Stieg Larsson e ritengo Lisbeth Salander ( protagonista della serie ) il personaggio meglio caratterizzato di cui io abbia mai letto. Nel rifiuto totale di accettare la fine della serie cult del thiller nordico e in barba a raccomandazioni , ho deciso di leggere i due capitoli successivi,  scritti dopo la morte di Larsson da David Lagercrantz ( Quello che non uccide e L'uomo che inseguiva la sua ombra). Fatte tutte le dovute considerazioni del caso sulle differenze di stile che uno si aspetta quando cambia l'autore in una serie di libri ( eccetera, eccetera..)  posso infine ammettere che Lagercrantz non se la stia cavando proprio bene come erede letterario .

L'uomo che inseguiva la sua ombra è un libro che starebbe in piedi benissimo anche senza il coinvolgimento di Lisbeth Salander, personaggio marginale in questo nuovo capitolo diversamente da come mi aspettavo,  che lentamente si trasforma sotto la supervisione di Lagercrantz , in un personaggio davvero poco credibile. Non solo per quei tratti della sua personalità che la caratterizzavano e che qua sono annacquati, ma anche perche somiglia sempre di più a una versione femminile tra Batman e James Bond in grado di uscire da ogni situazione meglio di MacGiver, incassare una sequela di colpi che spedirebbe un persona normale in coma e ruscire indenne, o quasi, da incontri con lame e coltelli.

Sconsigliato a chi conosce Millennium perchè ne rimarrebbe oltraggiato. Sconsigliato a chi non la conosce e potrebbe farsi un'idea sbagliata su una serie bellissima caposaldo del thriller nordico.  Insomma, sconsigliato. Punto.

 

 

Ci sono mesi dove amo ogni singolo libro che scelgo di leggere e altri come questo, che portano libri carichi di aspettativi che si riveleno non all'altezza. Qual'è stato il peggior libro del mese per voi?  Ultimamente noto che accade sempre più spesso che titoli acclamatissimi sul web finiscono poi con il rivelarsi delle ciofeche. Quindi mi chiedo..le persone li leggono davvero i libri che raccomandano?

 

 

 

 

ROCK'N'ROLL & SANGUE : La sottile linea scura di Joe R. Lansdale.

ROCK'N'ROLL & SANGUE : La sottile linea scura di Joe R. Lansdale.

TRE GIORNI E UNA VITA di Pierre Lemaitre

TRE GIORNI E UNA VITA di Pierre Lemaitre