#stoleggendo


If you like what I do support LibrettoReview by buiyng me coffee. Thank!

TRE GIORNI E UNA VITA di Pierre Lemaitre

TRE GIORNI E UNA VITA di Pierre Lemaitre

TRE GIORNI E UNA VITA di Pierre Lemaitre
Pubblicato da Mondadori il 07/06/2016
LR voto: 3/5
Drammatico resoconto introspettivo delle conseguenze di un crimine accidentale, analisi psicologica del personaggio con un tocco di noir

Giudicare il libro di un'autore in base ai sue precenti è un azzardo che rischia di precludere una bella lettura. Nettamente differente dai thriller psicologici a cui Lemaitre ci ha abituati ( "L'abito da Sposo" per citare il mio preferito o la serie della Commandant di Polizia parigina Camille Verhoeven ) in "Tre Giorni e una Vita" troviamo una vicenda difficile da classificare nelle solite categorie dell letteratura gialla. Appena 200 pagine scritte a tinte fortremente psicologiche e una punta di noir .


TRAMA:

Beauval, piccolo paese della Piccardia, Nord della Francia. Natale 1999. Il dodicenne Antoine, unico figlio di genitori separati, vive con la madre Blanche. Bambino pocco socievole, ha come migliore amico Ulisse, il cane del Signor Desment, che viene ucciso proprio dal suo padrone a seguito di un'incidente stradale e gettato nella spazzatura, che sotto gli occhi sconvolti di Antoine. Disperato e accecato del dolore, in un accesso di rabbia cieca Antoine compierà un gesto che in pochi secondi segnerà per sempre la sua esistenza. Terrorizzato all'idea di essere scoperto, i tre giorni successivi all'evento passano carichi di un' angoscia indescrivibile, immaginando scenari futuri cupi e inevitabili frutto della mente di un ragazzino impaurito. Ma, proprio quando sembra che per lui non ci sia più scampo, la situazione si ribarla e Antoine sembra scorgere una barlume di possibilità e la chance, dopotutto, di continuare con la propria vita.


Una storia al contrario quella di "Tre giorni e una vita" , dove tutta l'azione è infatti concentrata nelle pagine iniziali del racconto dell'infanzia di Antoine che ne segneranno e influenzeranno la vita intera.  L'intero svolgimento del romanzo è infatti un resoconto angoscioso e introspettivo delle conseguenze di un gesto accidentale che si concluderanno in un finale amarissimo.

Totalmente diverso dai precenti romanzi di Lemaitre ( ma a parer mio di maggiore spessore) Lamaitre descrive con superba maestria l'atmosfera della piccola località di provincia, opprimente e bigotta come i pensieri che si susseguono incessanti nella mente di Antoine. Sensazioni e paure sono descritti in maniera cosí fervida e realistica da risultare assolutamnete plausibili e in grado di innestare nella mente di chi legge un pensiero : e se fosse successo a me? .

Un tocco di noir, pochissimi dialoghi e una scrittura eccezionale sono i punti forti di "Tre giorni e una vita" che non è però classificabile in nessuna delle categorie tipiche della letteratura gialla . Più psicologico e poco thriller, si tratta sicuramente di una lettura lenta e di corrosiva , sconsigliata se cercate un racconto di evasione o il birivido tipico del thirller psicologico. Se invece avete voglia di qualcosa di piu profondo che fornisca l'altro lato del crimine, quello non voluto o premeditato, quello dei sensi di colpa divoranti e il peso schiacciante della menzogna, allora avete trovato la vostra prossima lettura.

Non il mio preferito di Lemaitre ma sicuramente qui dentro c'e lui e si sente.


Ha insegnato per molti anni letteratura, ed è approdato tardi alla carriera di scrittore e sceneggiatore. I romanzi di Lemaitre sono tradotti in diverse lingue. In Italia le opere di Pierre Lemaitre sono state pubblicate da Fazi e Mondadori. Con quest'ultimo ha pubblicato inoltre Ci rivediamo lassù (2014), vincitore del Premio Goncourt, e Tre giorni e una vita (2016). Tre le sue opere piu famose troviamo "L'abito da Sposo" e la trilogia di Camille Verhoeven.

ACQUISTA su IBS "L'abito da Sposo" e la trilogia di Camille Verhoeven.


Wrap up di Ottobre

6 libri CRIME da leggere in vacanza.