Support me by buying me a coffee. Thanks!


Deodoranti Zero Waste [dal punto di vista di una microbiologa]

Deodoranti Zero Waste [dal punto di vista di una microbiologa]

English Version

Lo sapevi che l'odore di sudore si forma quando sudi, ma non perchè sudi?

Sulle ascelle vive una popolazione di microrganismi che si nutre delle secrezioni delle ghiandole sudorifere. Quando degradano queste molecole, vengono rilasciati composti volatili che causano il cattivo odore. Sono per lo più batteri Gram-positivi dei generi Staphylococcus, Micrococcus e Corynebacterium. Corynebacterium Minutissimus ( che carino!) è ritenuto il principale colpevole per il cattivo odore .

La pelle del corpo è piuttosto acida. Il tuo sudore con il sebo sulla tua pelle forma quello che viene chiamato mantello acidico che protegge gli strati esterni della pelle. La crescita batterica ottimale avviene a pH neutro o leggermente acido e tende a essere rallentata e ridotta a pH più elevato (basico)

L’ allume di potassio ( pietra deodorante- nota come stick-post rasatura) e il bicarbonato di sodio sono due delle più diffuse alterantive zero-waste al deodorante commerciale e entrambi funzionano agendo sul pH delle ascelle elevandolo , ovvero rendendolo temporaneamente un pò meno acido.

Come deodorante io uso una pietra di allume di potassio che funziona semplicemente bagnandola e strofinandosi dietro sulla pelle una sottile patina minerale quando asciutta. L’allume di potassio è un minerale venduto puro al 100% sotto forma di pietra grezza. Lo trovate in erboristeria talvolta dentro un cilindretto di plastica o su Amazon avvolta da una pellicola di plastica. Ma vi durerà per anni quindi sono opzioni da considerare.
Usando la pietra non ho ne un odore buono, ne uno cattivo. Semplicemnete quando sudo non ho nessun odore. Se tu invece preferisci profumare dovrai ricorerrere ai deodoranti a base di Bicarbonato seguendo queste dosi


PASTA DEODORANTE:

1 parte di bicarbonato di sodio
2 parti di amido di mais
1 parte di oilio di cocco
5 gocce di olio essenziale ( timo, eucalipto, tea tree e limone hanno tutti proprietà antibatteriche e funzionano da conservanti. Ma puoi scegliere qualsiasi oe preserisci)

EXTRA: 1 parte di cera d’api. Questo solo se vuoi ottenere una consistenza simile a un balsamo. Senza infatti sarà piuttosto liquida ma funzionano entrambe allo stesso modo.

DIREZIONI:
A bagno maria scogli la cera e l’olio di cocco. Aggiungi le polveri e l’olio essenziale. Mischia e versa in un contenitore pulito e fai freddare prima di applicarne un poco sotto le ascelle.

***Se non hai già la cera d’api in casa e non sai dove acquistarla senza imballaggi ti consiglio di fare un primo prima prova con la ricetta base per vedere come reagisce il tuo corpo. Se sei soddiisfatto allora magari considera di acquistare la pasta già pronta. In base ai casi potrebbe esserti meno costoso. Brand fantastici sono Sustainyoseld , Zero Waste Path e Earth Purities.


L’allume ha dimostrata efficacia in nell’inibire la crescita di organismi responsabili della puzza ma all'inizio potrebbe non essere così efficace per tutti. Le ascelle infatti hanno bisogno di un periodo di disintossicazione dai deodoranti commerciali per ripristinare il suo equilibrio naturale. Potrebbe essere necessario lavare le tue ascelle più volte al giorno dopo che si smette di usare il deodorante per qualche giorno o dover ricorrere a un maschera all’ argilla (ma fallo una sola volta) e magari aggiustare anche la tua dieta leggermente. Oppure la pietra deodorante potrebbe non essere abbastanza efficace per te e dovrai ricorrere al bicarbonato.

Ma perché il bicarbonato di sodio viene cosi demonizzato ultimamente?

Quando sulle nostre ascelle che sono acide viene applicato un deodorante alcalino come il bicarbonato di sodio si verifica una reazione chimica ( cosa succede se metti il limone sul bicarbonato?) . Qualcuno potrebbe avere una brutta reazione e la possibilità e la gravità dell'eruzione cutanea o dell'irritazione è legata a vari fattori come la quantità di bicarbonato di sodio nel prodotto usato e il pH della pelle della persona, che può essere a sua volta influenzato dall'età, dal sesso o dalla razza, così come i farmaci, la dieta o anche quel periodo del mese.

Il più delle volte basta semplicemente aggiustare la ricetta per risolvere il problema. Quale ricetta? Mischia bicarbonato, amido di mais e olio di cocco in rapporto 1:2:1 fino ad ottenere una pasta. Aggiungi olio essenziale a piacimento ( quello di timo ha anche proprietà antibatteriche) e spalmala sulle ascelle quando serve fino ad assorbimento. Et voilà!

Ma quindi che bisogno c’è dei deodoranti commerciali?

adverts 1.jpg

A parer mio nessuno.
I deodoranti commerciali sono un grande business che è stato lanciato all'inizio del 1900 da una campagna pubblicitaria che promuoveva l'idea che gli odori rendessero le donne poco attraenti e che ha da allora instillato il terrore della puzza e del sudore nelle donne di tutto il mondo. In realtà sudare fa bene, è un modo per il nostro corpo di eliminare tossine e regolare la temperatura corporea. La maggior parte dei deodoranti commerciali infatti non solo è anti-deodorante ma anche anti-perspirante, ovvero blocca la sudorazione.
Inoltre sono venduti in plastica e la maggior parte è in bomboletta spray che circa il 90% della popolazione non sa essere riciclabile e sopratutto che accorgimenti prendere prima di riciclarla.

Ti ho convinto a dare una chance a un’alternativa al deodorante commerciale?

[Mi raccomando fai sempre le tue ricerche prima di cedere alle lusinghe delle pubblicità che ti convincono di aver assolutamente bisogno di mille prodotti diversi per essere bello e attraente. Usa strumenti come PubMed per accedere alle pubblicazioni scientifiche e sii sempre curioso di sapere come funzionano le cose]

Fai di una rivoluzione l'ordinario

Fai di una rivoluzione l'ordinario